Campagna Cane Guida Blindsight Project

Campagna Cane Guida Blindsight Project

UOMO CIECO CON CANE GUIDA UCCISI DA VEDENTE CHE NON LI HA VISTI

Attraversare la strada guidati dal proprio cane perché si è ciechi diventa sempre più difficile: è di oggi la tragica notizia di un uomo cieco ucciso da un'auto, insieme al suo cane, nel torinese. L'assurdità è nel fatto che chi guidava l'auto ha dichiarato di non averli visti! La notizia intera da La Stampa.
Personalmente sono diventata cieca proprio perché qualcuno non mi ha vista mentre faceva una retromarcia, e continuano a non vedermi anche ora che cammino con un cane guida.
Tralasciando la situazione penosa che in Italia si vive riguardo la sicurezza stradale, praticamente assente, viene spontaneo chiedersi: perché oltre ai controlli (giustissimi) nei confronti di chi percepisce una pensione come cieco civile, che hanno rivelato non pochi finti ciechi, non si controlla anche periodicamente la vista di chi guida?
Come mai nessuno sa che un bastone bianco ha la precedenza assoluta SEMPRE e OVUNQUE? Anche se il povero cieco falciato nel torinese non portava il bastone, come si fa a non vedere un cane bardato come lo sono i nostri cani?
E perché i vedenti raramente collegano gli occhi al cervello??
Ad esempio nella mia città, Roma, siamo tanti, le auto e le moto ancor di più, eppure mi sento ripetere come un mantra, mentre cammino con il mio cane guida e veniamo investiti da tutti, passanti e non: "scusa, non t'avevo vista!", e tutti addosso a me e al mio cane, come se fossimo invisibili fino al momento di un impatto.
Scrivo per memoria, visto che anch'io, e tutti gli altri come me, quando usciamo di casa non sappiamo mai se ci ritorneremo, e non perché un cane ci fa perdere ma perché nessuno ci vede! Se un giorno dovessi far la fine di questo uomo ucciso nel torinese, di soli 43 anni, vorrei che chi mi vuol bene, anziché piangermi, si impegni affinché la sicurezza stradale diventi una realtà anche italiana e, soprattutto, che si capisca che gli occhi sono solo banali obiettivi se rimangono scollegati da ogni attività cerebrale.
Fa male sapere che chi può vedere sia più cieco di me, ed è proprio vero che al cervello non servono gli occhi per vedere

Nell'immagine gli occhi di chi guida.

2 commenti:

  1. io sono, fortuna mia, vedente, e leggo con dolore questi argomenti di cui condivido il dolore, anche perché ho un fratello con la stessa disabilità. ci sono tecniche che si possono usare per "fregare" gli automobilisti distratti,ma vedo che mio fratello è refrattario a queste tecniche,quando provo a insegnargliele e preferisce usare "le sue". la preoccupazione è lecita,la società di oggi è egoistica e narcisistica,l'empatia e l'attenzione per gli altri sono cose passate di moda.peccato, avremmopotuto esser meglio di così.

    RispondiElimina
  2. un automobolista distratto come lo eviti? io vedevo ancora quando proprio un distratto m'ha ammazzata, eppure non sono riuscita ad evitarlo.
    pensa se tutti si concentrassero un po', si distraessero meno, e guidassero una macchina come si deve, quanti pedoni sarebbero ancora vivi in questa nazione!! ma si concentrano solo su facebook, il resto è tutta distrazione, fino a farsi guidare da una macchina.
    ciao! laura

    RispondiElimina

Firma il tuo commento, anche con un nome di fantasia, se non vuoi loggarti, grazie!

I PIU' LETTI

BLINDSIGHT PROJECT

BLINDSIGHT PROJECT
SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI

PINK BLINDSIGHT (PER LE DONNE)

banner pink blindsight